Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
GESAAF Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali
Home page > Dipartimento > Organizzazione > Sezioni > Sezione Ingegneria Agraria, Forestale e dei Biosistemi

Sezione Ingegneria Agraria, Forestale e dei Biosistemi

Coordinatore: Prof. Matteo Barbari

Via San Bonaventura, 13 - 50145 Firenze
Piazzale delle Cascine, 15 - 50144 Firenze


Notizie storiche

Una delle più note pubblicazioni di agricoltura del sec. XIX, gli "Annali di Agricoltura" del famoso Filippo Re, trattando dell'insegnamento agrario e della preparazione di un Agronomo moderno, non trascura l'importanza di particolari cognizioni tecnico professionali nei vari settori dell'Ingegneria agraria.
Sull'importanza di tali cognizioni insistono altri Autori dell'epoca, richiamando l'opera di Filippo Re, considerato uno dei maggiori Agronomi del suo tempo: fra tali Autori vanno ricordati il Casali, il Brignoli de Brunnhoff, il Fappani, il De Tipaldo, ed altri.
Quando, poco dopo l'unificazione nazionale fu creato l'Istituto Forestale di Vallombrosa, la cui inaugurazione avvenne il 15 agosto 1869, nei corsi triennali dell'Istituto non si trascurò di includere al secondo anno l'insegnamento di "Topografia" ed al terzo quello di "Geodesia" e quello di "Meccanica ed Architettura Civile, Stradale e Idraulica in speciale applicazione alla scienza forestale" con programmi di larghe vedute che, salvo gli inevitabili aggiornamenti dovuti al progresso della scienza, potrebbero considerarsi attuali.
L'Istituto possedeva una ricca collezione di strumenti e di mezzi topografici e per il disegno cartografico, una importante biblioteca e mezzi didattici per la meccanica e la tecnologia forestali.
Tale scuola, per oltre 40 anni, fu la "depositaria e il faro della Scienza e della Tecnica forestale italiana" fino a che, nel 1914 fu trasformata nel R. Istituto Superiore Forestale Nazionale e quindi nel R. Istituto Superiore Agrario e Forestale, con sede alle Cascine in Firenze
Fra gli Insegnanti vi fu il prof. ing. Manfredi de Horatiis, Ispettore Forestale, proveniente sia come Allievo che come Docente dalla Scuola di Vallombrosa, al quale si affiancarono successivamente, nell'insegnamento delle materie riguardanti l'ingegneria agraria e forestale il prof. Giovanni Vitali, e il prof. Livio Zoli.
Dall'Annuario dell'Istituto, che fu stampato per la prima volta per l'A.A. 1927-28, risulta che il corso annuale di "Esercizi di Disegno", era tenuto dal prof. ing. Giovanni Vitali, anche titolare di "Meccanica Agraria"; il corso trimestrale di "Complementi di Costruzioni Forestali", era tenuto, dal prof. ing. Manfredi de Horatiis, anche titolare di "Sistemazioni idraulico-forestali"; mentre il corso annuale di "Topografia e Costruzioni rurali", era tenuto per incarico dal prof. ing. Livio Zoli, anche Assistente di "Sistemazioni idraulico-forestali".
L'Istituto possedeva un ben attrezzato Gabinetto scientifico di Topografia, e di Costruzioni rurali e forestali, dotato di una ricca collezione di strumenti topografici anche dei più complessi e moderni per l'epoca, fra cui vari teodoliti di precisione, e di una collezione completa di modelli di costruzioni.
È da questo nucleo originario di insegnamenti di carattere ingegneristico che trassero le proprie origini gli istituti di Costruzioni rurali e forestali, di Idronomia e di Meccanica agraria dalla cui fusione si è costituito nel 1989 il Dipartimento di Ingegneria agraria e forestale (DIAF) dell'Università di Firenze. Il Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale si è articolato nelle tre Sezioni di Costruzioni e Territorio, Idronomia e Meccanica. Il 1° gennaio 2010 il Dipartimento è confluito nel Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali (DEISTAF), costituendo la Sezione di Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali. Dal 1° gennaio 2013 il DEISTAF è confluito nell'attuale Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali (GESAAF), costituendo la nuova Sezione di Ingegneria Agraria, Forestale e dei Biosistemi.
I Direttori del Dipartimento di Ingegneria agraria e forestale, che si sono succeduti dal 1989 al 2009, sono stati: Prof. Silvano Grazi (1988 - 1994 ), Prof. Massimo Zoli (1994 - 1997 / 2000 - 2003), Prof. Vittorio Panero (1997 - 2000), Prof. Matteo Barbari (2003-2009).

Strutture

La Sezione di Ingegneria Agraria, Forestale e dei Biosistemi è dotata di strutture finalizzate alle attività didattiche e di ricerca (uffici, officina meccanica, officina di idronomia e costruzioni, laboratori e due biblioteche con circa 4000 volumi e 80 opere in continuazione). Per l'attività sperimentale di campagna si avvale delle strutture dell'Azienda agricola di Montepaldi (San Casciano Val di Pesa, Firenze) e di varie altre aziende in Italia e all’estero. Dispone di tutte le attrezzature di officina, di laboratorio e degli strumenti di misura, di calcolo e di elaborazione necessari all'attività di ricerca e didattica.

 

Laboratori

Sede delle Cascine

  • Officina, suddivisa in 5 locali (Planimetria attrezzature) (Immagini attrezzature)
  • Laboratorio di analisi
  • Laboratorio elettronica e tecnologie
  • Laboratorio CAD, meccanica, fisica
  • Capannone prove macchine agricole (con museo storico)

Sede di Quaracchi

I macchinari presenti nelle officine del Dipartimento sono tutti a norma e provvisti di certificazioni.

 

Esempi di utilizzo di officine e laboratori

  • Realizzazione di capannine per il parto delle scrofe per la sperimentazione in aziende

    laboratori sezione

 
ultimo aggiornamento: 02-Nov-2016
Unifi Home Page

Inizio pagina